Non più soli: l'ATP sperimenta il "coaching"

La solitudine provata dal tennista nella sua metà campo può essere opprimente. Nessun appiglio, solo la propria abilità opposta a quella dell'avversario. Il pensiero da indirizzare, le emozioni, negative e positive, da elaborare. E, nel mezzo, il braccio e le gambe che devono continuare a scorrere rapidi e fluidi come l'acqua di un torrente.

Read →